Pubblicato il Lascia un commento

Fai da te: come realizzare la palla di vetro con la neve

Palla di vetro natalizia

Il fai da te coinvolgendo la famiglia: come realizzare in casa la palla di vetro con la neve coinvolgendo i bambini

Abbiamo già parlato delle meravigliose palle di vetro con la neve. Oggi vedremo come possiamo realizzarle da soli. Si tratta di un lavoretto fai da te molto semplice, che si può anche fare insieme ai bambini.

Il Natale si avvicina, e non sarebbe poi una cattiva idea se provassimo a fare qualche regalino con le nostre mani. Cosa c’è di meglio di una PALLA DI VETRO con la neve?

Palla di vetro
Image by Beate Kratena from Pixabay

Ecco cosa occorre:

  • un barattolo di vetro con il suo coperchio
  • colla a caldo
  • dell’acqua
  • un soggetto a piacere, o più soggetti, da inserire all’interno,
  • glicerina (serve per far scendere lentamente la “neve”” quando si rovescia il barattolo)
  • glitter 
  • un cucchiaino di plastica
Glitter
Image by Pexels from Pixabay

Procedimento:

Con la colla a caldo, incollate il soggetto, o i soggetti scelti, all’interno del coperchio del barattolo. Riempite il barattolo fino al bordo con dell’acqua e aggiungete una goccia di glicerina. Inserite i glitter (la quantità varia a seconda della grandezza del barattolo e dei vostri gusti personali).

Mescolate delicatamente con il cucchiaino di plastica, poi sigillate con il coperchio. Può capitare, che non appena rovesciate per la prima volta la vostra palla di vetro con la neve fai da te, fuoriesca un po’ d’acqua: è del tutto normale, dal momento che bisogna riempire il barattolo fino al bordo per non creare poi bolle d’aria. 

Buon lavoro!

Pubblicato il Lascia un commento

Palle di vetro con la neve: qualche curiosità

palle-di-vetro-natalizie

Collezionare palle di vetro con la neve che affascinano quando si capovolgono: la nascita, la storia e qualche curiosità

Un oggetto da collezione che mi ha sempre affascinato è la palla di vetro con la neve. Credo che affascini un po’ tutti, grandi e piccini con la sua “magia” che si crea nel momento in cui la si capovolge.

E’ una sfera di vetro trasparente all’interno della quale si possono trovare soggetti NATALIZI paesaggi, monumenti in miniatura, ballerine, personaggi di cartoni animati……..il tutto immerso in un liquido trasparente. Non appena la si capovolge, ecco che accade qualcosa di magico: scende la neve!

palla-di-vetro-con-palazzi
Foto di Lucas Wendt da Pixabay

In alcune, sulla base, c’è inserito un carillon; possono essere di diverse dimensioni, possono illuminarsi e avere al loro interno, grazie ad un meccanismo, delle figure in movimento.

Sembra che le palle di vetro con la neve siano originarie della Francia: nel 1878, durante l’Esposizione Universale, alcuni espositori francesi avevano come fermacarte proprio delle sfere con la neve, anche se, forse, le prime furono create all’inizio del XIX secolo.

palla-di-vetro-con-fata
Foto di EllasPix da Pixabay

Se siete dei collezionisti di palle di vetro con la neve, dovete sapere che a Vienna c’è la Manufaktur Perzy, una fabbrica che da più di un secolo produce e vende queste meraviglie. 

Dal momento che il Natale si sta avvicinando, cosa ne dite di regalare (o regalarvi) una palla di vetro con la neve?  Lo sapevate che si possono creare anche a casa? Di questo ne parlerò in un altro post. Non vi resta che seguirmi per saper come si fa. Non siete curiosi?

Pubblicato il Lascia un commento

Le collezioni nel mondo della Birra, i sottobicchieri

Foto di emoro da Pixabay

Le collezioni nel mondo della birra, i sottobicchieri, nati come protezione per la birra, divenuti oggetti ricercati

La nascita dei sottobicchieri risale al XIX secolo quando in GERMANIA, per evitare che corpi estranei finissero nella birra, si ricopriva il boccale con un tappetino di feltro.

Grazie all’imprenditore tedesco Robert Sputh, il feltro, materiale assorbente ma non igienico, venne sostituito con il cartone, e ne fu determinato anche lo standard della forma circolare e delle misure del diametro di 107 mm e lo spessore di 5 mm.

Con il tempo si sono sviluppate diverse varianti, divenendo così oggetto di collezione da parte di molti appassionati della birra e del collezionismo birrario .

Per un neo-collezionista di sottobicchieri non è facile districarsi tra l’immensa quantità di oggetti di questo tipo.

Foto di Hathawulf da Pixabay
Foto di Hathawulf da Pixabay

Si può scegliere se dividere per paese di provenienza, immagini riportate, periodo storico; naturalmente una buona classificazione necessita di più dati per evitare doppioni e per individuare le varianti.

Ecco un elenco esemplificativo di dati utili per classificare correttamente ogni singolo pezzo:

  • Nazione: è considerata la voce più importante per classificare la propria collezione. 
  • Città:  città di produzione della birra.
  • Birreria: molte birrerie di media e grande dimensione hanno stabilimenti in più città, viene usata dopo la nazione e lo stato.
  • Birra: Il marchio
  • Tipo: normale, commemorativo, serie, sovrastampato, …
  • Forma: quadrato, rotondo, ovale, …
  • Data:  risalire alla data di emissione dei sottobicchieri è tutt’altro che facile.
  • Tematica: cavalieri, animali, FIORI, SPORT, …

Una volta scelto il metodo di classificazione bisogna reperire le informazioni necessarie.

Foto di joakant da Pixabay
Foto di joakant da Pixabay

In Internet esistono diverse liste di birrerie ed elenchi utili per classificare i sottobicchieri; può risultare complicato associare il marchio della birra alla birreria che la produce.

Esistono inoltre molte associazioni e club di collezionisti di sottobicchieri diffuse in molte nazioni.E’ molto importante la conservazione che può essere organizzata sia in scatole di cartone, sia in buste trasparenti; queste ultime proteggono i sottobicchieri lasciandoli comunque in bella vista per la consultazione.

Pubblicato il Lascia un commento

Riscopriamo i giochi in scatola

Foto di Gianni Crestani da Pixabay

Anche se dobbiamo restare chiusi in casa per forza, riscopriamo i giochi in scatola da usare con la nostra famiglia

Dobbiamo nuovamente passare un periodo di limitazione della libertà.

Cerchiamo di alleviare la condizione di questo dramma riscoprendo il gioco come mezzo di socialità familiare.

Quali sono i giochi più amati dalle famiglie italiane?

Ecco alcuni giochi di società più famosi con ci solitamente durante le festività.

Al 1° posto troviamo sicuramente il MONOPOLI, oggi divenuto MONOPOLY; ce ne sono diverse versioni.

Le più vecchie, con le banconote in lire, le più moderne, con gli euro e, infine, le edizioni Disney per i più piccoli.

Il Monopoli è conosciuto in tutto il mondo ed è considerato il gioco da tavola per eccellenza.

  • Monopoli - Editrice Giochi
  • Monopolino junior euro - Editrice giochi
  • Monopoly junior - Parker
  • Monopoli - Editrice Giochi
  • Monopolino - Editrice giochi
  • Monopoli - Editrice giochi

Segue CLUEDO; si tratta di un gioco da tavolo molto caro per gli amanti dei “gialli“; anche questo gioco è stato replicato in diverse versioni, come ad esempio il SuperCluedo, Cluedo Harry Potter e la versione junior per i bambini.

C’è un tabellone che rappresenta un’abitazione, divisa in diverse stanze, all’interno della quale è stato commesso un omicidio.

Ogni giocatore interpreta un diverso personaggio e lo scopo del gioco è di scoprire chi è l’assassino, in quale stanza è stato commesso il delitto e con quale arma.

Super cluedo - Editrice giochi
Super cluedo – Editrice giochi

Al 3° posto c’è RISIKO!. E’ sicuramente il gioco di strategia più conosciuto, anche questo realizzato in molte versioni.

C’è un tabellone diviso in vari territori, dove i giocatori piazzano le proprie armate per attaccare e conquistare i possedimenti dei nemici.

Leggi l’articolo su RISIKO!

Risiko! - Editrice giochi
Risiko! – Editrice giochi

La Tombola si trova al 4° posto; è un gioco originario dell’Italia meridionale e solitamente si utilizza durante il Natale, ma anche per Capodanno.

Anche di questo gioco ne esistono diverse versioni: classica, automatica e per bambini.

Tra i giochi di carte, i più amati sono Il Mercante in Fiera e 7 e 1/2.

Pubblicato il Lascia un commento

Matrioska: origine, storia e curiosità

Foto di Wolfgang Eckert da Pixabay

La Matrioska: origine, storia e curiosità della famosa bambola russa dipinta con il costume tradizionale delle donne

La Matrioska è la bambola russa in legno che si compone di diverse bamboline, inserite una dentro l’altra.

Ogni bambola è divisa in due parti e al suo interno si trova una bambola più piccola.

La più piccina è indivisibile e si chiama seme, mentre la più grande, che le contiene tutte, si chiama madre.

La prima Matrioska è stata realizzata alla fine del XIX secolo da un ricco collezionista d’arte, Savva Mamontov che fu ispirato nella creazione della prima Matrioska osservando un giocattolo di legno che arrivava dal Giappone e che si componeva di quattro figure, ciascuna inserita all’interno di un’altra più grande.

C’è chi, infatti, fa risalire la sua origine alle scatole cinesi.

Foto di cottonbro da Pexels
Foto di cottonbro da Pexels

La prima Matrioska, che si componeva di otto pezzi, fu colorata da un famoso illustratore di libri per bambini che rappresentò la bambola con il costume tradizionale delle donne russe.

Nel 1900 la Matrioska fu riconosciuta come il simbolo della tradizione e della cultura russa.

Una Matrioska è composta almeno da tre pezzi; la più grande è stata realizzata negli Stati Uniti e si compone di 51 pezzi.

Foto di Schwoaze da Pixabay
Foto di Schwoaze da Pixabay

La Matrioska non è solo una bambola, ha un significato profondo: rappresenta la figura materna, la fertilità della donna e della Terra.

Pubblicato il Lascia un commento

Collezioni di lusso: le Uova di Fabergè

Foto di josuperqu da Pixabay

Collezioni di lusso: le creazioni di alta gioielleria, a partire dal 1885 le famose Uova di Pasqua di Peter Carl Fabergè

Oggi parlerò delle Uova di Fabergè. Per chi non lo sapesse, si tratta di oggetti di alta gioielleria la cui creazione risale al 1885. Fu lo zar Alessandro III di Russia a commissionare al gioielliere Peter Carl Fabergè il primo uovo d’oro per regalarlo a sua moglie, la zarina Maria Fedorovna, in occasione della Pasqua.

Questo uovo era di colore bianco e aveva la struttura di una matrioska: al suo interno conteneva un tuorlo d’oro che a sua volta nascondeva una gallina, anch’essa d’oro, e con dei rubini al posto degli occhi.

Foto di Monika Schröder da Pixabay
Foto di Monika Schröder da Pixabay

Non è finita qui, perché la gallina conteneva una miniatura della corona. Questo dono piacque così tanto alla zarina che da allora commissionò a Fabergè, ogni anno per Pasqua, un uovo che doveva essere un pezzo unico.

Dieci anni dopo, nel 1895, lo zar Alessandro morì e sul trono salì il figlio Nicola. Da allora Fabergè creò due uova l’anno, il primo per la nuova zarina, Aleksandra, il secondo per Maria Fedorovna.

La collezione imperiale aveva in tutto 52 esemplari. La produzione delle Uova si è interrotta solo nel 1904 e nel 1905 a causa della guerra tra Russia e Giappone.

Foto di opsa da Pixabay
Foto di opsa da Pixabay

Le Uova di Fabergè (purtroppo non tutte) sono in esposizione nel Palazzo dell’Armeria del Cremlino a Mosca, e in alcuni altri musei del mondo.

Foto di Marie Sjödin da Pixabay
Foto di Marie Sjödin da Pixabay

Naturalmente ci sono innumerevoli imitazioni delle Uova di Fabergè che possiamo permetterci anche noi perché sono realizzate in diversi materiali, dal legno alla porcellana.

Ci sono anche ciondoli per gioielli o per bigiotteria.

Pubblicato il Lascia un commento

I Puffi, dai fumetti ai cartoni animati

Puffo spazzino

I Puffi, quegli strani ometti blu disegnati da Peyo, dai fumetti nel 1958 ai cartoni animati diffusi in tutto il mondo.

Oggi parliamo dei Puffi, “gli strani ometti blu” creati dal fumettista belga Peyo nel 1958 come personaggi secondari di un altro fumetto.

Nel 1958 i Puffi fecero la loro comparsa nel fumetto John e Solfamì.

Inizialmente erano personaggi secondari, ma il loro successo fu così enorme che l’anno dopo divennero loro stessi i protagonisti di un fumetto tutto loro.

Nacque così un film animato nel 1975, Il flauto a sei Puffi e, a partire dal 1981, fu prodotta e trasmessa negli Stati Uniti una serie di cartoni animati di 421 episodi in 9 stagioni.

Anche in Italia il famosissimo cartone animato raggiunse un enorme successo di pubblico.

Dal 1982 tutte le stagioni dei Puffi furono trasmesse durante la trasmissione pomeridiana Bim Bum Bam.

I Puffi rimasero su Italia 1 fino al 1990.

Tutti gli episodi sono andati in onda più volte anche su Canale 5 e Rete 4 fino a metà degli anni 90.

Dagli anni 2000 sono trasmessi su Boing, Boomerang e Cartoonito.

I Puffi vantano anche uno straordinario merchantising, dei film , e addirittura un saggio del grande Umberto Eco, incentrato sul linguaggio dei Puffi.

Chi sono i Puffi? Cristina D’Avena nella Canzone dei Puffi cantava così:

“Chi siano non lo so,
gli strani ometti blu,
sono alti su per giù
due mele o poco più”.

Appunto: sono dei piccoli esserini, o folletti, chissà, tutti blu che indossano dei pantaloni bianchi e un cappello anch’esso bianco.

Solo Grande Puffo, il loro anziano capo, ha pantaloni rossi e si distingue dagli altri anche per la barba bianca.

Grande Puffo
Foto di Capri23auto from Pixabay
I Puffi sono tantissimi e tra di loro i personaggi principali sono: Puffetta, (per alcune stagioni, l’unica femmina del villaggio) Quattrocchi, Tontolone, Inventore, Golosone, Forzuto, Brontolone, Burlone e Vanitoso.

I nomi, naturalmente, rappresentano perfettamente le qualità/caratteristiche o difetti di questi Puffi.

Puffo Golosone
Immagine di Edouard Jausions from Pixabay
I Puffi vivono nella foresta, in un villaggio chiamato Pufflandia.

Le loro abitazioni sono dei funghi con il tetto rosso.

I Puffi hanno un nemico: il perfido stregone Gargamella che vive con il gatto Birba.

Abita in un castello diroccato e il suo sogno è di creare la pietra filosofale.

Nella formula servirebbero sei Puffi da bollire insieme al veleno di un serpente.

Per questo tenta di catturarli ma, fortunatamente, i piccoli ometti blu riescono sempre a salvarsi.

Cosa dire del loro linguaggio? Se Umberto Eco ha addirittura dedicato un saggio alla loro semantica, non possiamo fare a meno di concludere questo post puffando qualche parola puffosa.

Già, perché una caratteristica peculiare dei Puffi è il termine Puffo: viene usato coniugandolo e facendolo a volte diventare verbo, a volte aggettivo.
Pubblicato il Lascia un commento

Riciclo creativo: come riutilizzare i barattoli di vetro

Fiori in barattolo di vetro

Alcune idee per il riciclo creativo facile e veloce: come puoi trasformare e riutilizzare i barattoli di vetro vuoti

Perché gettare via i barattoli vuoti di marmellata, sugo o maionese?

Possiamo utilizzarli in svariati modi.

Vediamone alcuni, tutti molto semplici e veloci da realizzare.

I barattoli di vetro, grandi o piccoli che siano, possono trasformarsi in soprammobili, portapenne, porta-caramelle o idee regalo.

Certo, non vanno lasciati così come sono: bisogna decorarli e abbellirli.

Non è per niente difficile e non serve chissà quanto materiale.

E un ottimo passatempo in cui si possono coinvolgere anche i bambini. Siete pronte a conoscere qualche idea?

Barattoli con piante
Foto di magdakamyszek da Pixabay

Tempo fa ho deciso di trasformare un semplice barattolo di vetro in una sorta di finto acquario: l’ho riempito di acqua in cui avevo aggiunto del colorante blu.

In questo modo è diventata azzurra.

Poi, con la tecnica del decoupage, ho incollato sulla superficie esterna delle immagini di pesciolini (per la gioia di mio figlio ho messo anche Nemo e Dori!).

Per finire, ho dipinto il coperchio e con la colla a caldo ho incollato due conchiglie. Semplice e divertente!

Volete degli eleganti portacandele o porta-caramelle? Basterà procurarsi dei nastri di stoffa o pizzo e, sempre con l’aiuto della colla a caldo, incollarli sul bordo inferiore e superiore.

Per il portacandela, naturalmente il tappo non serve, ma per il porta-caramelle si; quindi è necessario decorare il tappo.

E’ sufficiente un ritaglio di stoffa e un nastrino abbinato.

Volendo si possono incollare anche degli elementi 3D.

Portacandele
Foto di StockSnap da Pixabay

Un’altra idea carina e facile da realizzare è questa: procuratevi dei sassolini del colore che preferite e dei fiori finti.

Inserite i sassolini sul fondo del barattolo, mettete i fiori, poi decorate a piacere il tappo.

Il vostro soprammobile è fatto!

Irene C.

Pubblicato il Lascia un commento

Acqua di Colonia: origine e curiosità

Profumi

L’Acqua di Colonia fu ideata da un piemontese emigrato in Germania. Scopriamo la sua origine e qualche curiosità.

Vi siete mai domandati quando è nata l’Acqua di Colonia? L’Acqua di Colonia si differenzia dal profumo in quanto contiene una quantità decisamente minore di essenza diluita in etanolo.

Si deve ad un piemontese, Giovanni Paolo Feminis, nato nel 1660 in un paesino della Val Vigezzo ma emigrato in Germania, a Colonia. 

Giovanni conosceva una sorta di “formula segreta” che si portò dietro dal Piemonte: si trattava di una preparazione a base di essenze come limone, lavanda, gelsomino, fiori d’arancio, salvia e rosmarino macerate in acquavite.

Colonia-lavanda
Foto di Couleur da Pixabay

Tale preparazione veniva utilizzata come panacea per guarire dolori e mali di ogni tipo.

Giovanni aprì un laboratorio nel 1709 e, utilizzando la formula segreta, creò l’Aqua Admirabilis.

Si trattava di una preparazione ottenuta dalla macerazione di piante e fiori in una base di acquavite.

Successivamente, si rese conto che l’acquavite non era proprio la base ideale per la sua acqua, in quanto l’odore che lasciava sulla pelle non era sicuramente piacevole.

Così aggiunse il bergamotto.

L’Aqua Admirabilis ottenne un grande successo e veniva utilizzata come analgesico e antisettico.

Fu un amico, di Feminis, Giovanni Maria Farina, anch’egli piemontese emigrato in Germania, a mutare il nome dell’Admirabilis in Acqua di Colonia. Sempre grazie a lui, che divenne collaboratore di Feminis, l’Acqua di Colonia divenne famosa anche al di fuori della Germania: Feminis, infatti, morì senza eredi e furono Farina e i suoi discendenti a continuare a produrre l’Acqua di Colonia.

Lo straordinario successo dell’Acqua di Colonia si deve soprattutto alle abitudini di quei tempi: nel XVII secolo in Europa si faceva uno smodato utilizzo di acque aromatiche.

Questo perché le condizioni igieniche a quei tempi non erano certamente delle migliori!

A parte la mancanza di acqua corrente e servizi igienici, durante il Medioevo, infatti, si credeva che l’acqua fosse portatrice di malattie, soprattutto della peste.

Per questo motivo, anche il bagno nella tinozza era sconsigliato.

Addirittura, Luigi XIV, il Re Sole, si fece il bagno solo un paio di volte in tutta la sua vita. Stessa cosa per le dame di corte.

Luigi-XIV
Foto di Ibrahim Diallo da Pixabay

Immaginate che odore nauseante doveva esserci nelle strade, all’interno dei palazzi e delle abitazioni!

Eppure Luigi XIV era soprannominato “Dolce Profumo”; non pensate però che fosse per l’odore del suo corpo! Aveva una vera  e propria ossessione per i profumi.

Quale stratagemma utilizzavano a quei tempi a nascondere l’odore nauseante che emanavano?

Facevano, appunto,  largo uso di acque profumate: sotto le ascelle, all’interno di sacchettini di stoffa appesi tra i vari strati di vestiti che erano soliti indossare, inseriti anche sotto le parrucche.

Perché, come potete immaginare, non si lavavano neppure i capelli! Spesso dovevano rasarsi il capo, anche le donne, perché vista la totale assenza di igiene, per risolvere alla radice il problema dei pidocchi, si rasavano a zero e utilizzavano le parrucche.

Anche Napoleone divenne un consumatore di Acqua di Colonia: ben quattro litri ogni settimana.

Per fortuna a differenza del Re Sole, lui amava farsi il bagno quotidianamente, però era un periodo storico differente e, fortunatamente, il progresso aveva fatto sì che ci si rendesse conto dell’importanza dell’igiene, soprattutto nella prevenzione delle malattie.

A Santa Maria Maggiore nella Val Vigezzo potete visitare il Museo Casa del Profumo Feminis-Farina.

Troverete questa scritta, riferita all’Acqua di Colonia, esposta su un pannello all’interno del museo: vanta il primato inequivocabile di essere l’unico profumo di quattro secoli fa ancora presente sul mercato.

Irene C.

Pubblicato il Lascia un commento

I Flintstones, cartone animato, compie 60 anni.

Foto di Thanasis Papazacharias da Pixabay

Il famoso cartone animato I Flintstones, conosciuto anche con il nome Gli antenati, compie 60 anni il 30 settembre.

Il 30 settembre 1960, fu trasmesso dal canale americano ABC, il primo episodio del cartone animato I Flintstones.

Creati da William Hanna e Joseph Barbera, conosciuti in Italia anche come Gli Antenati, raccontano in 166 episodi le vicende di Fred Flintstone e la moglie Wilma e dei loro amici Barnie e Betty, la sua consorte.

La serie è ambientata nella preistoria nella città di Bedrock.

Si trattava di una sorta di parodia della società americana degli anni sessanta, con dinosauri che diventano mezzi di trasporto o elettrodomestici.

Pur essendo ambientata nell’età della pietra, a Bedrock non manca nulla: negozi, bowling, cinema, aeroporti…….

L’automobile di Fred è composta da due cilindri e da cappotta e si muove utilizzando la spinta dei piedi!

Non mancano gli animali domestici: tigri con denti a sciabola e il famosissimo Dino, un dinosauro violetto che salta addosso a Fred ogni volta che rientra a casa dal lavoro.

Fred Flintstones è sposato con Wilma e hanno una figlia, Ciottolina.

Adora giocare a bowling e mangiare bistecche di brontosauro, e il suo famosissimo grido è “Yabba- Dabba-Doo”.

Lavora in una cava di pietra.

Wilma, esempio della tipica casalinga americana, è una donna forte e di carattere deciso.

Guida al risparmio con i Flintstones 2000
Guida al risparmio con i Flintstones 2000

Barney Rubble è il migliore amico di Fred, ma a differenza di quest’ultimo che è molto irascibile, la sua indole è più tranquilla e pacifica.

Betty è la moglie di Barney ed è la migliore amica di Wilma.

I Rubble hanno un figlio, Bam Bam dotato di forza straordinaria pur essendo un bambino.

La serie ebbe un enorme successo e nacque così il fumetto e una numerosa serie di gadgets e giochi.

Curiosità: dal 1965 al 1971 I Flintstones furono protagonisti di una pubblicità del nostro Carosello, in cui si reclamizzava un’insettticida e in cui si sentiva la famosa frase di Fred: “Wilma, dammi la clava”.